domenica 10 maggio 2015

SU PALLOSU: NUOVO PERCORSO ALL'OASI FELINA
per la visita guidata gratuita necessaria la prenotazione

Il nuovo percorso completo della visita guidata gratuita all'Oasi Felina di Su Pallosu, è  necessaria la prenotazione scrivendo per email su amicisupallosu@libero.it o chiamando lo 0783 58041 dalle 9 alle 10
Grandi novità quest’anno per le Visite gestite dal’Associazione Culturale Amici di Su Pallosu, che vedono giungere appositamente a Su Pallosu migliaia di appassionati di gatti e non solo, da ogni parte d’Italia.
Oltre alla Mostra Permanente sulla Storia-Arte-Natura e Pesca  è stato allestito un nuovo percorso didattico-culturale presso la Casa Museo Gianni Atzori di Su Pallosu, arricchito con 7 nuovi maxi pannelli (da 1.40 per 1.00). 2 gigantografie con straordinarie foto dei felini in Spiaggia, realizzate dalla fotografa Susanna Di Stefano, 3 pannelli con testi e foto sono dedicati a “Flora”, “Fauna” e “Archeologia”, tutti specifici sulle specie e i ritrovamenti del sito di Su Pallosu.
Il primo pannello del percorso dell'Oasi Felina è dedicato a Gianni Atzori
Nei pannelli della Flora spazio importante per le foto degli endemismi di Su Pallosu: il Testa di Micio e l’Orchidea di Eleonora.Tra la Fauna esposta anche la foto della volpe venuta in visita all’Oasi nei mesi scorsi.
Grande interesse tra i visitatori per lo spazio dedicato al sito Archeologico nuragico di Su Pallosu nel percorso della Casa Museo.Mai aperto il museo archeologico comunale di San Vero Milis, a Su Pallosu presso l’Oasi è invece visitabile una ricca sezione dedicata a scavi e scoperte di epoca nuragica avvenute proprio sulla spiaggia dei gatti.Video, foto e testi son stati realizzati dagli stessi Archeologi che hanno condotto in quattro momenti le ricerche sul sito, sotto la guida della Soprintendenza.
Il nuovo pannello dedicato alla Spiaggia Nuragica dei gatti
All’ ingresso del percorso didattico la Biografia di Gianni Atzori, cui è dedicata la casa museo,  visitatori è presente anche un pannello dedicato alla Storia della Mineralogia in Sardegna.Gianni Atzori, oristanese, insegnante elementare, artigiano, uomo di cultura e figura politica, scomparso nel 2002, era un grande amante di Su Pallosu. Negli anni 60 Gianni Atzori acquistò dal comune il terreno di Su Pallosu in prossimità del mare e realizzò qui  il suo laboratorio artistico dove lavorò per 50 anni corallo, ossidiana, corno, osso, trachite e altre pietre dure.Nel 1969 “Su Maistu” , così era soprannominato a Cabras, dove insegnò per decenni nella scuola elementare, fu vittima di una embolia spinale al terminare una immersione che gli impedì’ di camminare per anni. Tra le attivita’ per recuperare la deambulazione integro’ lunghe camminate in cerca di minerali e/o fossili, campo in cui maturo’ una conoscenza approfondita.
Si ricorda che l’Associazione Culturale Amici Di Su Pallosu non ha mai ricevuto alcun contributo pubblico e che tutta la sua attività è completamente autofinanziata e volontaristica.
Ingresso Visitatori all'Oasi Felina di Su Pallosu

Nessun commento:

Posta un commento